Incendio doloso, l'arresto Il sindaco: "Un dramma"


11 Agosto 2017 - 20:16 2.368

Palermo

Incendio doloso, l'arresto
Il sindaco: "Un dramma"

Minacciate diverse abitazioni. La dichiarazione del primo cittadino di Cefalù.

PALERMO - La Polizia di Stato ha arrestato, su ordine cautelare in carcere del Gip di Termini Imerese, Antonino Fertitta, 38 anni, di Cefalù, accusato di incendio doloso, continuato e aggravato, sui boschi e sulla macchia mediterranea, con pericolo agli edifici e danni sull'area protetta del parco delle Madonie. Il 3 e il 4 agosto in contrada "Ferla", sono stati appiccati una decina di incendi. Sono state minacciate diverse abitazioni. I residenti come vere sentinelle per evitare i roghi degli scorsi anni non hanno mai smesso di controllare la zona. Così immediatamente hanno raccontato agli agenti del commissariato di Cefalù di avere visto un uomo appiccare i roghi. Le testimonianze e le indagini hanno consentito di acquisire elementi contro Fertitta che hanno portato all'arresto. 

"La notizia dell'arresto di un cefaludese con l'accusa di essere un piromane suscita in me una forte emozione - dice Rosario Lapunzina, sindaco di Cefalù - poiché il mio pensiero non può non andare ai drammatici eventi incendiari del 16 giugno 2016 che hanno pesantemente ferito gran parte del territorio comunale e a seguito del quali, ancora oggi, sei nuclei familiari sono ospitate in abitazioni prese in affitto dal comune in quanto le loro sono andate distrutte dai roghi. Proprio nei giorni della Festa del Ss. Salvatore ripetuti incendi, di evidente natura dolosa, sono stati appiccati in contrada Ferla, destando la preoccupazione è l'indignazione dei cittadini costringendoci a mettere in atto un allerta continuo. Io stesso, più volte, ho diramato degli inviti alla popolazione per segnalare alle forze dell'ordine l'avvistamento di piromani. Pur con la presunzione d'innocenza che spetta a qualunque cittadino fino a condanna definitiva, confidiamo nel lavoro della magistratura e delle forze dell'ordine e chiediamo che nei confronti di chi si rende responsabile del gravissimo reato di incendio doloso , qualora accertata la propria responsabilità, sia esercitata la massima severità prevista dalla legge, poiché responsabile di un crimine che oltre a distruggere un territorio bellissimo e mettere a repentaglio persone e cose offende la sensibilità di ogni cittadino. Chi si rende responsabile di questo gravissimo reato non è degno di essere considerato cefaludese".


11 Agosto 2017 - 20:16 2.368