Abuso ufficio: chiesta l'assoluzione per cinque dirigenti della Regione


14 Febbraio 2018 - 16:57

Palermo

Abuso ufficio: chiesta l'assoluzione
per cinque dirigenti della Regione

Il "caso" riguarda Gioacchino Genchi, anche lui dirigente della Regione, che fu demansionato.

PALERMO - Il pm Enrico Bologna ha chiesto l'assoluzione per cinque dirigenti della Regione accusati, davanti alla terza sezione del Tribunale di Palermo, di abuso d'ufficio: Giovanni Arnone, Vincenzo Sansone, Sergio Gelardi, Pietro Tolomeo e Antonio Maniscalco. Il "caso" riguarda Gioacchino Genchi, anche lui dirigente della Regione, che alcuni anni fa fu demansionato dall'assessorato all'Ambiente dopo un giudizio di valutazione espresso da una commissione composta da Arnone, Sansone e Maniscalco; all'epoca Tolomeo era a capo del dipartimento. Ne scaturì una battaglia legale.

Genchi ha sempre sostenuto di essere stato perseguitato perché ritenuto scomodo avendo assunto posizioni nette contro alcuni provvedimenti, come per esempio i termovalorizzatori. Nell'aprile del 2008 la commissione di valutazione riconobbe a Genchi un punteggio di 58,01. Ben lontano dai 70 necessari per ottenere la liquidazione dell'indennità di circa 9 mila euro per il raggiungimento degli obiettivi stabiliti dall'amministrazione. Per il pm, i dirigenti non avrebbero fatto atti illeciti, non avevano ruolo di pubblico ufficiale e inoltre mancherebbe l'elemento soggettivo, cioè la volontà di penalizzare Genchi. (ANSA).


14 Febbraio 2018 - 16:57