Salvini: "Sarò premier se... Immigrazione, voglio ordine"


14 Febbraio 2018 - 12:52 3.610

Palermo

Salvini: "Sarò premier se...
Immigrazione, voglio ordine"

Il tour in Sicilia del leader della Lega inizia dal capoluogo siciliano. L'intervista.

PALERMO - "Il governo Musumeci è l'inizio di un cambiamento, ma per i miei gusti c'è ancora troppo passato". Così il leader della Lega, Matteo Salvini, a Palermo. "Chi sceglie Lega il 4 marzo e chi l'ha scelta alle regionali, vuole più coraggio e un taglio netto con il passato - ha aggiunto - comunque è un miglioramento rispetto alla disastrosa situazione precedente". La Boldrini? "Ha contribuito a trasformare l'Italia in un campo profughi. Fra tre settimane, fortunatamente, non sarà più la terza carica dello Stato - ha risposto -. Rappresento circa 5mila eletti del movimento, la violenza è sempre e comunque da condannare. Purtroppo è una violenza chiamata da altra violenza. Chi ha favorito l'immigrazione ha fatto il male degli italiani e degli immigrati".

"Se il centrodestra vince, e vincerà, e la Lega prede un voto in più il candidato premier è Salvini. Se i siciliani o gli italiani preferiscono Antonio Tajani votino Forza Italia. Chi prende un voto in più tra Lega e Forza Italia in democrazia ha ragione". Così il leader della Lega Mattero Salvini, a Palermo.

Salvini ha aggiunto: "L'abolizione della legge Fornero è il primo punto del mio programma e di quello del C.destra. Berlusconi non è d'accordo? Per questo io chiedo il voto dei siciliani e degli italiani: chi sceglie Salvini sceglie la chiarezza, gli altri sono un pochino più incerti e titubanti". "La legge Fornero è criminale, sbagliata e ingiusta socialmente ed economicamente - ha detto - bisogna permettere alla gente di andare in pensione quando ha maturato i requisiti, 41 anni di fabbrica sono più che sufficienti anche perché quei posti di lavoro verranno presi da giovani. Cancellare la legge è mio motivo di esistenza in vita oltre che politica".

"Sull'immigrazione penso che sia chiaro come la pensiamo: nel governo Salvini non sarà ammissibile che ci siano i tunisini in rivolta contro la polizia a Trapani, che ci sia spaccio di droga e prostituzione a Mineo, caos a Caltagirone. Qualcuno lo confonde con razzismo o fascismo, invece io voglio soltanto ordine, regole e rispetto". Così il leader della Lega, Matteo Salvini, a Palermo.

"Le battaglie della Lega sono battaglie concrete, non seguo le promesse o le fantasie degli altri, non temo un pericolo fascista o razzista. C'è bisogno di creare lavoro, c'è bisogno di andare in Europa per difendere l'agricoltura e la pesca siciliana". Così il leader della Lega, Matteo Salvini, a Palermo. "Sicuramente mentre altri parlano di ministri vari ed eventuali, il ministero dell'Agricoltura, della pesca e del cibo - ha aggiunto Salvini - sarà gestito da un uomo o una donna della Lega per difendere il nostro territorio, il nostro mare e i nostri prodotti".

 


14 Febbraio 2018 - 12:52 3.610