"La mafia è ancora forte" Siamo tutti in ostaggio


il 25 Febbraio 2018 - 17:24

Semaforo russo

"La mafia è ancora forte"
Siamo tutti in ostaggio

Le incredibili affermazioni di Bindi e Minniti.

"Cosa nostra è vitale in ciascuna provincia siciliana. In questi anni l'organizzazione ha mantenuto il controllo del territorio e gode ancora di ampio consenso, ed esercita tuttora largamente la sua capacità di intimidazione alla quale ancora corrisponde, di converso, il silenzio delle vittime. La morte di Totò Riina costituisce paradossalmente un ulteriore elemento attuale di forza".

Questa non è una battuta del mio simpatico barbiere in vena di scherzare ma un passaggio agghiacciante della relazione conclusiva del presidente della Commissione Antimafia Rosy Bindi. Roba da far tremare i polsi, sufficiente a mettere in subbuglio l'intero apparato dello Stato. Eppure, il timore è che tra qualche giorno tale grido d'allarme sparirà dalle notizie in evidenza, dall'agenda dei leader politici per ora impegnati in una delle peggiori campagne elettorali che si ricordino.


E' lo stesso ministro dell'Interno Marco Minniti a denunciare, addirittura, il rischio di condizionamenti mafiosi sulle imminenti elezioni politiche: "In questa campagna elettorale, c'è troppo silenzio sulle mafie – dice chiaro e tondo Minniti - siamo nel pieno della competizione elettorale, dire questo non appaia irrituale, è cogente: nel momento in cui c'è il rischio concreto che le mafie possano condizionare il voto libero degli elettori non ci può essere silenzio in campagna elettorale; vedo troppo silenzio su questi temi. Le mafie sono in grado di condizionare istituzioni e politica".

Vi prego, cari lettori, di rileggere l'ultima frase pronunciata non da un passante qualunque ma dal responsabile nazionale della sicurezza pubblica: “Le mafie sono in grado di condizionare istituzioni e politica”. Viene subito da domandarsi: è questo il risultato di centinaia di indagini, di operazioni di polizia e di processi? E' questo il risultato dopo i fiumi di sangue innocente versato dai martiri della lotta alla mafia? E' questo il risultato dell'estremo sacrificio di Giovanni Falcone e di Paolo Borsellino sull'altare del diritto degli onesti a non essere oppressi per sempre dal cancro mafioso e dalle scellerate connivenze tra colletti bianchi e lupare fumanti?

Mentre si sta celebrando il processo sulla presunta trattativa tra Stato e Cosa Nostra il ministro dell'Interno della settima potenza industriale del mondo dichiara pubblicamente che le istituzioni italiane e la politica nel suo complesso possono essere alla mercé di poteri criminali organizzati. Se questo non è un colpo di Stato strisciante e permanente, cos'è? E in Sicilia? Tornando alla relazione della Bindi, dovremmo perderci il sonno: “Cosa Nostra è vitale in ciascuna provincia siciliana. In questi anni l'organizzazione ha mantenuto il controllo del territorio e gode ancora di ampio consenso”.

La mafia ancora vitale? Ma i pesanti colpi inferti dal generoso e instancabile lavoro di magistrati e forze dell'ordine non l'avevano indebolita? La mafia ha mantenuto il controllo del territorio? Cioè, in Sicilia comandano boss e gregari mafiosi non le istituzioni repubblicane perché questo vuol dire “controllo del territorio”. La mafia gode ancora di ampio consenso? Anni di manifestazioni antimafia (parlo dell'antimafia autentica non di quella taroccata dietro cui si sono celati mafiosi e amici dei mafiosi), di catene umane, di lenzuola ai balconi, di raduni sotto l'albero Falcone e in via D'Amelio, di carovane di bambini e ragazzi con palloncini colorati e i volti dei due giudici ammazzati stampati sulle magliette, di corsi di educazione alla legalità nelle scuole e oggi il presidente della Commissione parlamentare Antimafia ci viene a dire che Cosa Nostra “gode ancora di ampio consenso”? Attenzione, non di un certo consenso ma di ampio consenso.

No, non è possibile. Non possiamo consentire che parole così inquietanti passino sotto silenzio o vengano presto dimenticate. Non possiamo accettare di essere una democrazia dimezzata, condannata ad essere ostaggio in eterno di assassini ed estorsori da un lato e, dall'altro, dei loro complici, spesso registi occulti di nefandezze inenarrabili, in giacca e cravatta.

 


il 25 Febbraio 2018 - 17:24