I palermitani e la cultura? Non c'entriamo... niente


il 03 Marzo 2018 - 18:58

Manovra a Tinaglia

I palermitani e la cultura?
Non c'entriamo... niente

Contro gli incivili è impossibile vincere. Ecco perché.

Qualche settimana fa, Live Sicilia ha ospitato un mio pezzo sul fenomeno delle discariche a cielo aperto che si materializzano in ogni angolo della nostra città. Era stata una di quelle campane utilizzate per la raccolta del vetro ad ispirarmi il pezzo. Lo spazio antistante si era trasformato in un immondezzaio.

Qualche giorno fa, ho constatato che quella campana è stata rimossa ed è rimasto solo il pattume. Non so per quali ragioni sia avvenuta la rimozione. Però mi piace pensare che l’amministrazione comunale abbia voluto assecondare le aspettative ed i desiderata della popolazione del quartiere. In fondo, noi cittadini siamo una forza. Non è indispensabile ricorrere ai movimenti di opinione, alle manifestazioni, alle fiaccolate. Anche i nostri comportamenti quotidiani hanno una valenza in grado di orientare le scelte amministrative. "Non volevate la campana, e volevate una puzzolente discarica? Eccovi accontentati”. Si, proprio una bella vittoria della democrazia dal basso.

Naturalmente non escludo che quello dell’amministrazione possa essere stato, invece, un vero e proprio gesto di resa. Diciamolo, vincere è bello, ma il fascino dei perdenti ha qualcosa di sublime. Esistono partite che non si possono vincere, e forse, quella contro i palermitani zozzoni, è una di quelle. Tanto vale passare la mano. Non so se esistono altre possibili chiavi di lettura. So solo che in questo surreale duetto tra cittadinanza ed amministrazione comunale, la grande assente, e la sola vittima, è lei, la città, la bellissima Palermo. Quella stessa Palermo che è la Capitale Italiana della cultura 2018. Ma questo è un riconoscimento che appartiene solo a lei, a Palermo, alla sua storia, alla bellezza dei suoi monumenti. Noi, palermitani del terzo millennio, non c’entriamo un’amata emme.


il 03 Marzo 2018 - 18:58