Il Papa pensa alla sua morte


15 Maggio 2018 - 19:31

Il testamento

Il Papa pensa
alla sua morte

Le parole del Papa commuovono.

"Quando io leggo questo, penso a me perché sono vescovo e devo congedarmi": lo ha detto oggi Papa Francesco nella messa a Casa Santa Marta, commentando la lettura che parla del testamento di San Paolo. Non è la prima volta che il pontefice fa riferimento al momento della morte.
"Il testamento di Paolo è una testimonianza. È anche un annuncio. È anche una sfida: 'Io ho fatto questa strada. Continuate voi'. Quanto lontano è questo testamento dai testamenti mondani: 'Questo lo lascio a quello, quello a quell'altro, quello a quell'altro...', tanti beni. Non aveva nulla Paolo, soltanto la grazia di Dio, il coraggio apostolico, la rivelazione di Gesù Cristo e la salvezza che il Signore aveva dato a lui", ha detto il Papa. E ha aggiunto: "Chiedo al Signore la grazia di potermi congedare così. E nell'esame di coscienza non uscirò vincitore come Paolo ma il Signore è buono, è misericordioso...".


15 Maggio 2018 - 19:31